Ignora collegamenti di navigazioneHOME PAGE » Bonus Idrico
Bonus Idrico

Dal 2018 gli utenti del settore idrico in condizioni di disagio economico potranno usufruire di uno sconto in bolletta attraverso:

Bonus Idrico 

Gli utenti domestici residenti in condizioni di disagio economico potranno usufruire di uno sconto in bolletta attraverso il Bonus Idrico, istituito dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente con delibera) con deliberazione n. 897/2017/R/IDR come modificata dalla deliberazione n. 227/2018/R/IDR.

Dal 1 luglio 2018 è possibile, quindi, richiedere il Bonus Idrico per la fornitura di acqua, presso il proprio Comune di residenza (ufficio politiche sociali) o presso un altro ente designato dal Comune (CAF, Comunità montane) utilizzando gli appositi moduli disponibili al seguente link del portale ARERA, nella sezione Modulistica del Portale SGAte e allegati alla presente news.

Si informa che hanno diritto ad ottenere il Bonus gli utenti domestici residenti, diretti ed indiretti, del servizio di acquedotto in condizioni di disagio economico sociale con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro o con indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro se con almeno 4 figli a carico.

Il Bonus Idrico consente di disporre gratuitamente di un quantitativo minimo di acqua necessario al soddisfacimento dei bisogni essenziali; tale quantitativo è stato fissato dall’Autorità Energia Reti Ambiente (ARERA) in 50 litri giorno a persona, corrispondenti a 18,25 mc di acqua all'anno pro-capite.

Per maggiori informazioni circa la documentazione necessaria per presentare la domanda, la possibilità di delegare una terza persona per presentare la domanda, la possibilità di richiedere il Bonus insieme a quello per Energia elettrica e Gas, i termini entro cui presentare la domanda di rinnovo e per consultare il testo integrale della delibera è possibile visitare il sito web dell'ARERA nella sezione “Bonus Acqua”.

Si segnala, inoltre, che in base alla Determina 14/2018-DACU gli utenti indiretti, residenti in abitazioni plurifamiliari con un numero di unità abitative inferiore o pari ad 8 in cui il contratto di fornitura idrica non sia intestato ad un condominio o ad un amministratore di condominio, devono necessariamente attestare la propria condizione di residenza in dette abitazioni attraverso un'autodichiarazione (Allegato H).

Bonus Idrico Integrativo

Con deliberazione n. 42 del del 17/07/2018 del Commissario Straordinario dell’Ente D’Ambito Sarnese Vesuviano è stato istituito il Bonus Idrico Integrativo, ad integrazione del Bonus Idrico, come previsto con la stessa deliberazione ARERA n. 897/2017/R/IDR, come modificata dalla deliberazione n. 227/2018/R/IDR, che ha previsto la possibilità per gli Enti di Governo d’Ambito di mantenere eventuali agevolazioni preesistenti.

Come disposto dalla delibera Commissariale, i beneficiari del Bonus Idrico Integrativo sono gli utenti dell'Ambito Distrettuale Sarnese Vesuviano che saranno stati ammessi all'agevolazione del "Bonus Idrico" secondo le ordinarie modalità previste dall'Autorità.
Non bisogna quindi presentare una domanda aggiuntiva per ottenere il Bonus Idrico Integrativo ma basterà aver richiesto ed ottenuto il Bonus Idrico, secondo le modalità precedentemente illustrate.

L'obiettivo è quello di mantenere l’agevolazione preesistente già applicata nelle precedenti annualità, corrispondente, come è noto, all'importo determinato come prodotto tra la tariffa uso domestico residente della struttura dei corrispettivi  - pro tempore vigente - applicata all'importo relativo a 29,2 mc/anno per ciascun componente il nucleo familiare, unitamente alla quota di fognatura e depurazione.

Pertanto, al fin di garantire il raggiungimento dell'obiettivo del mantenimento dell'agevolazione preesistente, l'ammontare del Bonus Idrico Integrativo è pari alla somma delle seguenti componenti:

 La tariffa base acquedotto vigente in ciascun anno 2018 e 2019 per la tipologia d'uso "Domestico residente" applicata alla quota residua di 10,95 mc/anno per ciascun componente.

 La tariffa di fognatura vigente in ciascun anno 2018 e 2019 applicata alla quota di 29,2 mc/anno per ciascun componente.

 La tariffa di depurazione vigente in ciascun anno 2018 e 2019 applicata alla quota di 29,2 mc/anno per ciascun componente.

 La quota fissa annuale vigente in ciascun anno 2018 e 2019.

L'erogazione dell'importo relativo al "Bonus Idrico Integrativo" avviene direttamente in bolletta, al pari del “Bonus Idrico”, secondo le modalità previste dalla deliberazione ARERA n. 897/2017/R/IDR come modificata dalla deliberazione ARERA n. 227/2018/R/IDR.