Ignora collegamenti di navigazioneHOME PAGE » Bonus Idrico
Bonus Idrico
Gli utenti domestici residenti in condizioni di disagio economico possono usufruire di uno sconto in bolletta attraverso il Bonus Idrico, istituito dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente con delibera) con deliberazione n. 897/2017/R/IDR come modificata dalla deliberazione n. 227/2018/R/IDR.

Dal 1 gennaio 2020 con delibera 3/2020/R/idr del 14.01.2020, l’ARERA ha disposto che anche i titolari di Reddito di cittadinanza/Pensione di cittadinanza possano beneficiare dell’agevolazione secondo quanto già previsto per i titolari del bonus sociale idrico ed ha inoltre stabilito che, ai fini della quantificazione dell'agevolazione, il bonus sociale idrico debba essere calcolato da ciascun gestore, tenuto conto della numerosità della famiglia anagrafica, applicando al quantitativo minimo vitale (pari a 50 litri/abitante/giorno) la somma della tariffa agevolata di acquedotto, della tariffa di fognatura e della tariffa di depurazione, definite secondo i criteri individuati dall'articolo 5 e 6 del TICSI.
Pertanto il Gestore è tenuto a valutare le istanze di bonus, richiesto da tutti gli utenti domestico - residenti in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente e, a partire dal 01/01/2020, ad erogare la compensazione in base alle quote variabili di servizio di acquedotto e/o fognatura e/o depurazione di cui usufruisce il nucleo beneficiario dell’agevolazione e secondo quanto previsto dall’art.6.2 del TIBSI.

Hanno diritto quindi ad ottenere il Bonus gli utenti domestici residenti, diretti ed indiretti, del servizio di acquedotto in condizioni di disagio economico sociale con:

- indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro;
- indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro se con almeno 4 figli a carico;
- beneficiari di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza

è possibile, richiedere il Bonus Idrico per la fornitura di acqua, presso il proprio Comune di residenza (ufficio politiche sociali) o presso un altro ente designato dal Comune (CAF, Comunità montane) utilizzando gli appositi moduli disponibili al seguente link del portale ARERA, nella sezione Modulistica del Portale SGAte e allegati alla presente news.

Per maggiori informazioni circa la documentazione necessaria per presentare la domanda, la possibilità di delegare una terza persona per presentare la domanda, la possibilità di richiedere il Bonus insieme a quello per Energia elettrica e Gas, i termini entro cui presentare la domanda di rinnovo e per consultare il testo integrale della delibera è possibile visitare il sito web dell'ARERA nella sezione “Bonus Acqua”.