Avvisi all'Utenza  
Ignora collegamenti di navigazioneHOME PAGE » Deposito Cauzionale
Il Deposito Cauzionale è una somma di denaro che l’utente versa al gestore a titolo di garanzia e che deve essere restituita all'utente medesimo dopo la cessazione del contratto, nel rispetto delle condizioni contrattuali in vigore.

Con le fatture del servizio idrico integrato emesse da GORI, a partire dal giorno 6 marzo 2015, è stata data applicazione alla Disciplina del Deposito Cauzionale, approvata dall'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico ("AEEGSI") con deliberazione n. 86 del 2013 e successivamente modificata con le deliberazione AEEGSI n. 643/2013/R/IDR e n. 655/2015/R/IDR.

Secondo quanto stabilito dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico, il Deposito Cauzionale (presente in fattura alla voce "Addebito deposito") è stato determinato in misura pari al valore medio, per tipologia di utenza, dei corrispettivi dovuti per un massimo di tre mensilità di consumo medio annuo. Qualora, invece, la differenza sia risultata a credito per l’utente è stato emesso il rimborso integrale della quota nella prima fattura utile.

I Depositi Cauzionali non ancora oggetto del precedente adeguamento, sono stati di recente calcolati e gli importi saranno rateizzati nelle prime 6 fatture utili.

Per i nuovi Contratti il deposito viene invece calcolato in base al consumo medio per tipologia di utenza e l’applicazione avverrà in 3 rate: il 50% all’attivazione del contratto, il 25% nella prima bolletta utile e l’ultima rata (anch’essa del 25%) nella seconda bolletta utile.

Per le utenze condominiali il Deposito è pari al 60% della somma dei valori dei depositi cauzionali dei singoli utenti.

Il Deposito non viene addebitato agli utenti destinatari di Bonus Idrico, ed agli utenti che hanno attivato la domiciliazione dei pagamenti con consumi inferiori a 500 metri cubi nell'anno solare precedente.

Con la nuova Disciplina introdotta dall'AEEGSI, il Deposito Cauzionale è fruttifero e, pertanto, sarà restituito maggiorato, in base al saggio degli interessi legali, alla cessazione degli effetti del contratto di somministrazione.